a

Lorem ipsum dolor sit, consectetur iscing sed diam nonummy nibh euismo Lorem ipsum dolor sit, consectetur

@my_wedding_day

Wedding Details

Sunday, 05 November 2017
2:00 PM – 3:30 PM
Mas Montagnette,
198 West 21th Street, NY

+1 843-853-1810

Facebook
Twitter
Pinterest
Instagram
  •  Fotografo Matrimoni   •  Le 5 tradizioni della sposa

Le 5 tradizioni della sposa

Le 5 tradizioni e usanze più comuni per la sposa

Da qualsiasi parte d’Italia veniate tante sono le tradizioni e le usanze legate a questo giorno…quelle quasi universali che caratterizzano ogni matrimonio e che ogni sposa cerca di rispettare. In questo articolo noi fotografi di matrimoni di Milano di Dell’Utri Studio abbiamo deciso di riportarvene alcune:

Le cose che portano bene e che la sposa deve indossare

  • una cosa nuova: simboleggia la nuova vita che sta per iniziare, tutte le nuove sfide che questa porterà con sé (un capo di biancheria intima o l’abito stesso).
  • una cosa vecchia: simboleggia il passato, che si lascia alle spalle .La sposa deve portare con sé un oggetto proprio del passato per non dimenticare l’importanza del passato nel nuovo cammino che si va ad intraprendere (un fermaglio per capelli ad un gioiello).
  • una cosa prestata: simboleggia l ‘affetto delle persone care che rimangono vicine in questo passaggio dal vecchio al nuovo, una persona cara a prestare quest’oggetto.
  • una cosa regalata: simboleggia l’affetto delle persone care.
  • una cosa blu: simbolo di sincerità e purezza da parte della sposa ,anticamente era il colore dell’ abito della sposa. Oggi molto usata è la giarrettiera decorata con un nastrino blu.

Oltre alla tradizione legata puramente alla sposa, altre sono le usanze che caratterizzano il matrimonio…mille le curiosità su questo giorno e tante le usanze che si tramandano da generazioni come buon auspicio alla nuova famiglia che sta formarsi…

Il Bouquet

Secondo la tradizione il bouquet e l’ultimo omaggio dello sposo per la sposa come fidanzato. Lo sposo lo deve comprare e che lo faccia recapitare al mattino a casa della sposa; in realtà è la sposa a sceglierlo in quanto deve armonizzarlo con suo abito. Alla fine della cerimonia, la sposa lancia il suo bouquet di fiori verso un gruppo di donne nubili, che competono per afferrarlo; secondo la tradizione la donna che prende il bouquet avrà la fortuna di essere la prossima a sposarsi

La Giarrettiera

Tutto nasce nell’Europa del XIV secolo si riteneva che ottenere un pezzo del vestito della sposa portasse fortuna, per cui gli invitati cercavano di procurarsene o farsene consegnare una porzione. Nel XVII secolo gli invitati celibi dovevano impossessarsi delle giarrettiere della sposa fissandole poi al loro cappello, come segno di buona fortuna ma, per fortuna con il tempo queste usanze si sono trasformate nel lancio degli accessori (il bouquet, la giarrettiera, i guanti),per evitare che il vestito della sposa venisse rovinato o rotto.

La versione tradizionale vuole che sia lo sposo a sfilare la giarrettiera e lanciarla ad uno degli ospiti. La sposa pudica ,che non si vuole mostrare eccessivamente ,indossa la giarrettiera poco sopra al ginocchio o viene tirata in giù prima del rito del lancio, invece la sposa non tanto pudica alza la gonna dell’abito mostrando le gambe in modo da avere la rimozione dell’indumento al centro dell’attenzione. Nei casi in cui la sposa non indossi la giarrettiera si lancia la scarpa destra della sposa, sfilata direttamente da questa o da una delle sue damigelle o testimoni. Una altra tradizione prevedeva che la giarrettiera venisse fatta a pezzi dal marito e donata a più invitati. In modo simile si fa oggi in alcune zone d’Italia con la cravatta dello sposo, che viene tagliata in piccoli pezzi e distribuita tra gli uomini invitati in cambio di una piccola donazione in denaro da dare poi agli sposi .

Le donna colpita dal bouquet deve ballare insieme al uomo che ha presso la giarrettiera ; la tradizione dice che l’uomo deve dare la giarrettiera alla donna che ha presso il bouquet, per indossarla prima del ballo insieme. Se non si conoscono possono fare solo una fotografia insieme. Queste tradizioni sono sempre più rare e sconosciute.

Prima del matrimonio:

  • la sposa non si deve guardare allo specchio con il vestito da sposa il giorno del matrimonio; si può fare ma togliendo una scarpa, un orecchino o un guanto.
  • il diamante regalato se portato all’anulare o al polso sinistro conserva l’affetto coniugale.
  • porta sfortuna acquistare nello stesso momento l’anello di fidanzamento e le fedi nuziali.
  • è di cattivo augurio mettersi al dito la fede prima della celebrazione del matrimonio.
  • il velo indossato dalla sposa è considerato più fortunato se donato da una sposa felice.
  • lo sposo può offrire alla sposa alla fine del rito una spiga di grano, un gesto bene augurante che fa riferimento alla terra e alla fertilità.
  • gli sposi non si devono vedere prima dell’incontro in chiesa. Ma non solo: lo sposo non deve mai vedere il vestito della sposa se non al momento della cerimonia,vederlo prima porterebbe sfortuna.
  • lo sposo già uscito di casa per recarsi in chiesa non deve tornare sui propri passi meglio avere un amico o un testimone vicino in quel giorno per aiutarvi nelle urgenze.
  • non fate cadere le fedi in chiesa, se dovessero cadere andranno raccolte solo da chi celebra il rito.

…e che dopo la cerimonia:

una delle tradizioni molto comune è quella dell’uomo che porti in braccio la sposa oltre la soglia della loro casa primo ingresso. Questa tradizione ha origine da una credenza romana che fosse meglio per la moglie non inciampare entrando nella nuova casa.

Altre piccole superstizioni comunque arrivano già molto prima del fatidico giorno….infatti anche per scegliere il giorno delle nozze ci sono superstizioni infatti un antico proverbio dice “Di Venere e di Marte ne’si sposa ne’ si parte” cioè non sposarsi e non partire in viaggi nei giorni di Martedì e Venerdì. Il martedì appartiene a Marte che è il Dio della guerra, mentre il venerdì è il giorno in cui furono creati gli spiriti maligni. In Norvegia invece il maggior numero di matrimoni si celebra proprio il venerdì ; giorno romantico per eccellenza perché sotto la protezione di venere, dea dell’amore e dell’ armonia.

 

Compilando Il form seguente, potrete conoscere la mia disponibilità e ricevere un preventivo secondo le vostre esigenze. E’ molto importante ricevere più informazioni possibili sul vostro evento: Data e Location. Vi risponderemo quanto prima. Grazie!

Leave a reply